26 marzo 2017
Aggiornato 16:30
L'incontro col presidente egiziano al-Sisi

Migranti, Merkel in Egitto cerca la collaborazione di al-Sisi

L'immigrazione è stata al centro dei colloqui fra il presidente egiziano al-Sisi e la cancelliera Angela Merkel, in visita ufficiale in Egitto per due giorni

IL CAIRO - L'immigrazione è stata al centro dei colloqui fra il presidente egiziano al-Sisi e la cancelliera Angela Merkel, in visita ufficiale in Egitto per due giorni. «Il nostro primo obiettivo è controllare e prendere misure per evitare il flusso di migranti attraverso l'Egitto come paese di passaggio o attraverso le sue frontiere, cominciamo a lavorarci con la Germania», ha detto il Capo di Stato egiziano dopo aver incontrato al Cairo Merkel.

La collaborazione
Una collaborazione che verterà sul rafforzamento, anche con il miglioramento dell'equipaggiamento, delle frontiere di terra e di mare. Gli altri temi sul tavolo sono stati la cooperazione economica fra i due Paesi, la situazione nella Libia e il terrorismo.

Minaccia globale
«La minaccia terrorista purtroppo è reale in Egitto ma anche in Germania. E' una minaccia internazionale - ha detto Merkel - ma malgrado tutto, io credo che noi dobbiamo vegliare sulla diversità nella società civile perché è anche una forma di resistenza contro la minaccia terrorista». Un messaggio dato in un paese in cui il rispetto dei diritti civili è ancora un obiettivo da raggiungere, a partire dai casi di dissidenti scomparsi senza lasciare tracce. Una rete in cui è finito anche il ricercatore italiano Giulio Regeni, sulla cui morte l'Italia non ha ancora avuto risposte chiare dal governo di Al-Sisi.