26 maggio 2017
Aggiornato 22:30
Tagli alle pensioni e minori sgravi fiscali

Grecia, approvato l'ennesimo round di austerity: tagli da 4,9 mld

Il Parlamento greco ha adottato nella tarda serata di giovedì una nuova serie di misure di austerità, con tagli alla spesa pubblica per complessivi 4,9 miliardi di euro

ATENE - Il Parlamento greco ha adottato nella tarda serata di giovedì una nuova serie di misure di austerità, con tagli alla spesa pubblica per complessivi 4,9 miliardi di euro, con i quali il governo spera di assicurarsi un alleggerimento del debiti e nuove erogazioni di prestiti da parte dei creditori dell'UE e del Fmi entro la fine di maggio. Il disegno di legge prevede 4,9 miliardi di euro in tagli pensionistici e minori sgravi fiscali nel 2018-2021 ed è stato approvato da una maggioranza di 153 deputati della coalizione di governo. In 128 hanno votato contro la manovra mentre i 17 deputati del partito neonazista Alba Dorata non hanno partecipato al dibattito poiché sono stati bloccati dopo che uno dei loro membri ha spintonato un avversario in Parlamento. Prima della votazione la polizia ha lanciato candelotti lacrimogeni dopo che la manifestazione contro i tagli fuori del parlamento è diventata violenta, con il lancio di bottiglie molotov da parte di alcuni giovani incappucciati. Secondo la polizia più di 10.000 persone hanno partecipato alla protesta.

Altro ciclo di austerity
Il primo ministro greco, Alexis Tsipras, ha accettato a malincuore di varare un altro ciclo di tagli e minori sgravi, applicabili rispettivamente nel 2019 e nel 2020, per sbloccare il pagamento di una tranche di finanziamento in contanti in tempo utile prima del rimborso di scadenze debitorie che incombono in luglio. In cambio, la Grecia nello stesso periodo introdurrà misure di sostegno alla povertà, come le sovvenzioni sugli affitti e sulle medicine. Atene spera che l'erogazione di 7 miliardi di euro di finanziamenti di salvataggio già concessi sarà approvata da una riunione dei ministri delle finanze della zona euro il 22 maggio. «Siamo nella fase finale ... la maggior probabilità è che avremo un accordo il 22 maggio o pochi giorni dopo», ha detto il portavoce del governo greco Dimitris Tzanakopoulos a Skai TV. 

Impegno
La Grecia sta cercando un chiaro impegno della zona euro a seguito di misure volte ad agevolare il rimborso del suo enorme debito pubblico, che rappresentava il 179 per cento del Prodotto interno lordo alla fine dello scorso anno. La questione è stata un punto di contesa per mesi tra Berlino e il FMI, che non vuole partecipare al programma di salvataggio, a meno che il peso del debito della Grecia non sia ridotto a livelli gestibili. Nelle sue richieste di sostanziale alleggerimento del debito, Tsipras affronta la resistenza dalla Germania, dove ulteriori concessioni sono impopolari con gli elettori che sono chiamati alle urne per le prossime elezioni politiche di settembre. Secondo fonti che hanno familiarità con la materia, i paesi dell'FMI e dei paesi dell'area dell'euro sono vicini a raggiungere un compromesso, il che permetterebbe un accordo globale che consente alla Grecia di tornare sui mercati obbligazionari nel 2018.