28 marzo 2017
Aggiornato 21:30
Telefonata tra Guerassimov e Pavel su sicurezza e cooperazione

Mosca-Nato, primi contatti dal 2014

Lo Stato Maggiore russo ha annunciato oggi i primi contatti con responsabili militari della Nato dal 2014, anno della sospensione della cooperazione tra le due parti a seguito della crisi in Ucraina

Il presidente russo Vladimir Putin. (© Bangkok Happiness / Shutterstock.com)

MOSCA - Lo Stato Maggiore russo ha annunciato oggi i primi contatti con responsabili militari della Nato dal 2014, anno della sospensione della cooperazione tra le due parti a seguito della crisi in Ucraina e del ruolo esercitato da Mosca. Un colloquio telefonico tra il capo di Stato Maggiore Valeri Guerassimov e il capo del Comitato militare della Nato Petr Pavel ha avuto luogo venerdì scorso su iniziativa dell'Alleanza atlantica, hanno reso noto le fonti russe.

Problemi di sicurezza
I due alti ufficiali, ha spiegato il ministero russo della Difesa in un comunicato, hanno evocato «i problemi di sicurezza attuali, la prospettiva di una ripresa della cooperazione militare, la prevenzione di incidenti e la partecipazione di rappresentanti dell'Alleanza ad avvenimenti internazionali organizzati» da Mosca.

Inquietudini russe
Guerassimov ha manifestato inoltre l'inquietudine della Russia di fronte al «rafforzamento delle attività militari della Nato vicino alle frontiere russe» ed ha informato Pavel sulle future esercitazioni militari previste da Mosca. I due ufficiali hanno «confermato la necessità di prendere misure reciproche al fine di appianare le tensioni e stabilizzare la situazione in Europa», secondo il comunicato.

La prima volta dal 2014
Si tratta della prima volta in cui un generale russo si intrattiene direttamente con un omologo della Nato dopo il congelamento della cooperazione militare nella primavera del 2014, a seguito dell'annessione della Crimea da parte della Russia e del conflitto tra le forze di Kiev e i separatisti filorussi nell'Est dell'Ucraina.

Divergenze
La Nato, preoccupata per le vaste manovre militari russe, e Mosca - che denuncia a sua volta il rafforzamento dell'Alleanza nei Paesi Baltini e in Polonia - hanno avuto tuttavia delle «discussioni franche» nello scorso mese di aprile a Bruxelles a livello di ambasciatori, senza peraltro pervenire a una soluzione delle loro «profonde divergenze».

Discussioni civili
Il generale Guerassimov si è intrattenuto, analogamente, lo scorso febbraio a Baku con il suo omologo americano Joe Dunford, nel primo incontro tra i capi di Stato Maggiore dei due Paesi dal 2014. Il ministero della Difesa russo ha annunciato da parte sua l'organizzazione il 26 e 27 aprile a Mosca di una conferenza internazionale sulla sicurezza, alla quale la Nato è stata invitata per «discussioni civili».

(fonte afp)