30 settembre 2016
Aggiornato 20:30
Gelo o disgelo?

Siria, la telefonata tra Obama e Putin

Il presidente Usa Barack Obama e l'omologo russo Vladimir Putin hanno concordato di 'intensificare le cooperazione' tra i loro due Paesi per l'attuazione del cessate-il fuoco in Siria, ma i punti di dissidio rimangono

MOSCA - Il presidente Usa Barack Obama e l'omologo russo Vladimir Putin hanno concordato di «intensificare le cooperazione» tra i loro due Paesi per l'attuazione del cessate-il fuoco in Siria, concordato venerdì a Monaco. Lo annuncia il Cremlino, dando conto dei una telefonata «su iniziativa Usa» tra Obama e il presidente russo. «E' stato raggiunto un accordo per intensificare la cooperazione tra le agenzie diplomatiche e altre strutture allo scopo di attuare la dichiarazione dell'International Syria Support group adottata a Monaco» si legge in una nota del Cremlino, diffusa da Interfax.

Cooperazione
I due capi di Stato «hanno sottolineato la necessità di stabilire contatti operativi stretti tra i rappresentanti del ministero della Difesa russo e il Dipartimento della Difesa Usa, che rendano possibili una lotta graduale e vittoriosa contro l'Isis e altre organizzazioni terroristiche» afferma il Cremlino. Le due parti «hanno dato una valutazione positiva dell'incontro dell'11-12 febbraio dell'International Syria Support Group a Monaco» che ha raggiunto un'intesa sul cessate il fuoco in Siria per al consegna di aiuti umanitari immediati. In particolare è stato espresso «sostegno agli sforzi dei due gruppi di lavoro, sul cessate-il-fuoco e sugli aspetti umanitari» si legge nella nota della presidenza russa. «Il presidente russo ha nuovamente sottolineato l'importanza di creare un fronte unito anti-terrorismo rinunciando ai doppi standard» sostiene il Cremlino.

Obama: stop alle bombe russe
Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha chiesto al suo collega russo Vladimir Putin di mettere fine ai bombardamenti russi che hanno per obiettivo le forze dell'opposizione moderata siriana, conformemente a quanto concordato a Monaco giovedì. Lo ha reso noto la Casa Bianca. Nella conversazione telefonica tra i due capi di stato, Obama ha sottolineato che «d'ora in avanti è importante che la Russia svolga un ruolo costruttivo, interrompendo la campagna aerea contro le forze dell'opposizione moderata in Siria», secondo il comunicato della presidenza americana. Obama è attualmente in viaggio in California. I due leader, la cui conversazione telefonica era stata già riferita stamattina dal Cremlino, hanno parlato «delle decisioni e degli accordi conclusi l'11 febbraio a Monaco dal Gruppo internazionale di sostegno alla Siria», ha spiegato la Casa Bianca. Obama e Putin hanno «insistito sull'importanza di rendere concreto rapidamente l'accesso umanitario alle zone assediate in Siria e di avviare una cessazione delle ostilità sull'insieme del territorio siriano». Al termine della loro conversazione telefonica, i presidenti Obama e Putin, tra i quali numerosi sono i punti di disaccordo in merito anche al dossier ucraino, «si sono messi d'accordo per restare in comunicazione in merito all'importante lavoro del Gruppo di sostegno per la Siria», ha detto la Casa Bianca.

(Con fonte Askanews)