NEW YORK - "Le parole del regime siriano non sono abbastanza, non possiamo permettere un altro attacco" con armi chimiche. Lo ha detto il segretario di Stato, John Kerry, in una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri Russo, Sergey Lavrov, dopo il loro incontro a Ginevra, in Svizzera, per trovare un accordo diplomatico sulla crisi siriana.

"Speriamo che la diplomazia possa fermare l'azione militare", ha continuato, sottolineando come il presidente degli Stati Uniti Barack Obama sia stato chiaro sostenendo che "se la diplomazia dovesse fallire" bisogna intervenire per colpire gli arsenali chimici di Assad. Su questo punto il segretario di Stato ha detto che "l'uso della forza potrebbe essere necessario".

commenti

Altre notizie

© Copyright PETRA. Tutti i diritti riservati | DiariodelWeb.it S.r.l. P. IVA 02476110024