27 maggio 2015
Aggiornato 16:29
Un altro modo di combattere lo Stato Islamico

Isis, l'attacco dell'Iran con le vignette satiriche

Teheran ha lanciato una competizione internazionale che ha già richiamato migliaia di cartoonist da tutto il mondo

Obama: l'accordo con l'Iran ne limiterà i comportamenti pericolosi

Il presidente degli Stati uniti Barack Obama ha assicurato che il Washington resterà vigile di fronte all'Iran, la cui crescente influenza regionale inquieta non poco i Paesi del Golfo. E ha ammesso che Teheran è impegnato

Punto chiave della rinegoziazione con l'Europa

Immigrazione, Cameron prepara l'offensiva

Il punto chiave della rinegoziazione del rapporto Regno Unito-Ue è l'immigrazione. Cameron, per tenere fede alle difficili promesse elettorali, è pronto ad affilare le armi, ma l'Europa potrebbe costituire un grosso ostacolo sulla sua via. Un ostacolo da superare con l'epilogo Brexit?

Cameron vs. Juncker: al via le trattative per scongiurare un Brexit

Il premier britannico David Cameron si prepara ad accogliere stasera il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker dando il via all'offensiva diplomatica per ottenere una serie di riforme dell'Unione europea prima del referendum britannico sull'appartenenza alla Ue.

La scorsa settimana l'incontro con la Mogherini

Benjamin Netanyhau.

Netanyahu apre sul dialogo con i palestinesi per le colonie

Nell'incontro della scorsa settimana con il capo della diplomazia Ue Federica Mogherini, il premier israeliano Benjamin Netanyahu si è detto pronto a riprendere i negoziati con i palestinesi, con l'obiettivo di arrivare a un'intesa sui confini degli insediamenti che Israele intende annettere nell'ambito di un accordo di pace

Il nuovo governo di Netanyhau sarà malvisto dalla comunità internazionale

Il nuovo governo di Benjamin Netanyahu, nato con il sostegno dei nazionalisti religiosi decisi a ostacolare la nascita di uno Stato palestinese, complicherà ulteriormente i rapporti già tesi con la comunità internazionale.

Dopo le elezioni polacche e spagnole

Andrxej Duda.

L'irresistibile ascesa degli euroscettici

Polonia e Spagna: gli ultimi Stati espugnati dagli euroscettici. La vittoria dell'ultranazionalista Duda è un segnale chiaro: un nuovo fronte di indignati anti-establishment, anti-casta e, soprattutto, anti-Europa, delusi dalla politica nazionale ed europea fa tremare, da Nord a Sud, il Vecchio Continente

Polonia, cosa cambia per l'Europa con l'elezione di Duda

Vincitore a sorpresa delle presidenziali in Polonia, il 43enne Andrzej Duda suscita timori a Bruxelles per la retorica (moderatamente) anti-Ue usata durante la campagna elettorale e ancora più allarma Berlino, dove si teme la rottura del consolidato asse con Varsavia.

Pronti al contrattacco se necessario

Cambio di strategia per la Cina.

La Cina punta a una «difesa attiva» in mare aperto

Una nuova strategia militare, che prevede una proiezione della marina nell'oceano aperto e un rafforzamento della capacità di cyberwarfare dell'Armata del Popolo, è al centro del nuovo documento di dottrina strategica emesso oggi dall'Ufficio informazione del Consiglio di Stato cinese

Tensioni tra la Cina e Papa Francesco

Il presidente Xi Jinping ha lanciato oggi un messaggio poco incoraggiante rispetto al percorso di avvicinamento di Papa Francesco alla Cina. Parlando in una riunione del Partito comunista, il leader ha affermato che le religioni, nella Repubblica popolare, devono essere indipendenti dall'influenza straniera.

Politiche europee

David Cameron, Francois Hollande e Angela Merkel

Il «no, thanks» di Merkel e Hollande a Cameron

L'agenda di Angela Merkel e François Holland per l'eurozona, riassunta in un documento ottenuto da Le Monde, chiude una porta alle speranze del primo ministro David Cameron di ottenere una serie di riforme dell'Unione europea prima del referendum britannico sulla membership all'UE.

Politi al DiariodelWeb.it: il problema non è come respingere, ma come accogliere

Dopo averci parlato di terrorismo e Isis, l'analista politico e strategico Alessandro Politi, ci illustra, in esclusiva, le sue considerazioni a proposito di missione anti-scafisti, immigrazione, e caos libico. E della migliore strategia - militare o diplomatica - per tentare di stabilizzarlo

Stato islamico

Ramadi divide USA e Iraq, con l'Isis «sarà una lunga guerra»

Ne è convinto Faleh A. Jabar, direttore dell'Iraq Institute for Strategic Studies, secondo il quale dietro le dure critiche statunitensi alle forze irachene si nasconde la reale intenzione di Washington di spingere per una «riforma della Guardia nazionale che preveda un'attiva partecipazione della popolazione» nella lotta ai terroristi dell'Isis.

Ecco che cosa si cela dietro all'avanzata dell'Isis in Iraq

L'Isis è tutt'altro che invincibile, per uomini, mezzi e strategie di lungo periodo. Eppure, la sua avanzata in Iraq - suggellata dalla conquista di Ramadi - è stata favorita dalla disgregazione politica e dalla marginalizzazione delle minoranze. Che nell'Isis hanno visto un'occasione di rivalsa.

La crisi coreana

EXPO come via del dialogo: le due Coree presenti a Milano

La Corea del sud e la Corea del Nord, separate in casa da 70 anni, sono presenti entrambe all'Expo di Milano, la prima con un padiglione e la seconda con un desk, così come era accaduto l'anno scorso alla Biennale di Venezia per l'architettura.

Due milioni di migranti accolti in Turchia

Sofia, Atene, Ankara contro l'immigrazione clandestina

Bulgaria, Grecia e Turchia hanno firmato oggi un accordo a Sofia per la creazione di un centro di scambio di informazioni in tempo reale, mirato al contrasto all'immigrazione clandestina e al contrabbando

Vittime uccise a colpi di machete

Nigeria, altre dieci vittime di Boko Haram

E' di almeno dieci morti il bilancio delle vittime di un attacco delle milizie jihadiste nigeriane di Boko Haram su un villaggio dello stato nigeriano dell'Adamawa: lo hanno reso noto fonti governative locali, precisando che le vittime sono state uccise nel sonno a colpi di machete.

Il racconto delle donne liberate da Boko Haram

Alcune delle donne liberate dall'esercito nigeriano hanno cominciato a raccontare le violenze, la fame, le privazioni e le minacce subite durante la loro lunga prigionia nella mani dei jihadisti di Boko Haram nel Nord-Est della Nigeria. Sono quasi 700 le donne e i bambini tratti in salvo la scorsa settimana dopo le operazioni militari condotte nelle basi di Boko Haram nella foresta di Sambisa.

Russia

Vladimir Putin.

Le grandi manovre di Mosca nell'Artico

Grandi manovre per la Russia, con bombardieri strategici e difesa aerea nel grande Nord russo, proprio mentre l'aviazione della NATO e di diversi Paesi neutrali ha simulato in Svezia un'operazione di pace delle Nazioni Unite.

India e Cina in prima fila da Putin

Con l'arrivo odierno del presidente indiano Pranab Mukherjee...

Esplode la protesta contro Putin

Più di sessanta persone sono state fermate dalla polizia nel...

DIARIO TV

Terremoto politico in Spagna

Le nuove forze emerse dal basso, Podemos e Ciudadanos, entrano da protagoniste nelle istituzioni locali, il primo importante test in vista delle elezioni politiche di novembre e mettono fortemente in crisi il sistema tradizionale spagnolo.

Emergenza migranti, il piano di Bruxelles contro le reti criminali

18/05/2015 13:48:01

Obama ai Paesi del Golfo: vi difenderemo dalle minacce iraniane

15/05/2015 10:21:48

Kerry: «In Ucraina coinvolgere l'OSCE»

13/05/2015 12:52:20

Gaza rischia di morire di sete, entro il 2020

12/05/2015 15:03:58