5+1: salta l'accordo sul nucleare

Kerry: «E' troppo complicato»

Il segretario di Stato USA John Kerry.

Allo scadere del termine per il suo raggiungimento, per il Segretario di Stato americano l'accordo sarebbe troppo complicato e tecnico e necessiterebbe un allungamento delle tempistiche previste. Ma per i prossimi sei mesi Kerry è ottimista, sottolineando i progressi compiuti sino ad ora e aupicando uno sblocco della situazione. Sulle sanzioni all'Iran annuncia: «Le toglieremo».

La crisi ucraina e le sanzioni

Putin: Forse i sauditi vogliono «uccidere» i loro rivali

Il Presidente russo, Vladimir Putin

UE e USA hanno imposto sanzioni economiche contro la Russia per il suo ruolo nella crisi ucraina, prendendo di mira il settore energetico, la difesa e la finanza e mandando a picco il rublo. L'impatto delle misura punitive si è sommato a quello del calo dei prezzi del greggio.

Obama:«Sulla NATO decida Kiev, non Mosca»

A settembre, il presidente ucraino Petro Poroshenko, in un discorso davanti al Congresso americano, ha chiesto che gli Usa sostengano il suo Paese, anche concedendo lo status di Paese alleato fuori dalla Nato: non si tratterebbe comunque di un'adesione vera e propria, ma un concreto avvicinamento alle strutture di difesa euroatlantica.

Politiche europee

Piano Juncker, si al deficit spending

Il Presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker

Il collegio dei commissari europei si riunirà domani a Strasburgo per varare la proposta sul piano di investimenti da 300 miliardi di euro in tre anni che il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, aveva promesso prima della sua elezione, e anche per approvare le bozze di bilancio degli Stati dell'Eurozona.

L'epidemia
Un operatore sanitario in Africa

Un operatore sanitario in Africa

Ebola ha mostrato i limiti dei sistemi sanitari africani

Questo il messaggio rivolto da Teguest Guerma, Direttore genelare di Amref, alla Conferenza internazionale sulla salute dell'Africa, organizzato da Amref e Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), in programma da oggi al 26 novembre a Nairobi, in Kenya.

Oltre l'Ebola la fame

Questa la minaccia che incombe sui tre Paesi dell'Africa Occidentale dove il virus ha già causato la morte di oltre 5.000 persone. Anche l'Onu ha lanciato l'allarme, denunciando come «la regione sia ora sull'orlo di una grande crisi alimentare».

La Casa Bianca per l'integrazione non-stop
Barack Obama, presidente degli Stati Uniti.

Barack Obama, presidente degli Stati Uniti.

Obama offre la bandiera USA a 5mln di clandestini

In un discorso alla nazione in prime-time, il presidente americano Barack Obama ieri ha annunciato come da attese che milioni di migranti illegali potranno essere protetti dalla deportazione grazie a un nuovo piano che bypassa il Congresso.

Nuovo ambasciatore USA a Mosca: ha fama di duro
John Tefft, il nuovo ambasciatore USA in Russia.

John Tefft, il nuovo ambasciatore USA in Russia.

Obama manda un falco a parlare con Putin

A Mosca si insedia il nuovo ambasciatore statunitense. E' John Tefft e ieri a presentato le sue credenziali nella sala di Sant'Alessandro nel Gran Palazzo del Cremlino, tra mastodontici lampadari, enormi appliques e grandi sculture murali. E oggi entra ufficialmente in carica, in un momento nei rapporti russo-statunitensi che da molte parti viene indicato come un ritorno alla Guerra Fredda.

Appello di Israele ai leader mondiali
Centrale nucleare iraniana

Centrale nucleare iraniana

«Non vi fidate dell'Iran»

Israele ha lanciato ancora una volta un monito ai leader mondiali a non firmare un «cattivo» accordo con l'Iran, mentre l'ultimo round di negoziati fra Teheran e i Paesi del 5+1 in corso a Vienna è entrato nel vivo. Israele avverte: «Non firmate un cattivo accordo con Teheran».

Kerry: «Non firmeremo un accordo qualsiasi»

Al termine di un colloquio a Parigi con l'omologo francese Laurent Fabius, il Segretario di Stato americano, John Kerry, ha trattato la tematica spinosa e delicata del nucleare iraniano, affemando che le grandi potenze sono unite nella ricerca di un accordo definitivo sui programmi nucleari iraniani. Stasera Kerry sarà a Vienna per un summit in cuiverrà sviscerata la questione.

Il partito di Iglesias per i sondaggi è primo in Spagna

Podemos: «Resteremo nell'Euro, ma usciremo dalla NATO»

Pablo Iglesias, leader di Podemos.

Nel caso di «Podemos» al governo, per Iglesias c'è subito una gran cosa da fare: uscire dalla Nato. Dall'Euro no, al momento non è possibile. Quanto al confronto con L'Italia, Iglesias, è molto chiaro. Il nostro movimento non ha nulla a che fare con i 5stelle.

Gli euroscettici di Farage favoriti a Rochester
Nigel Farage, leader dell'UKIP.

Nigel Farage, leader dell'UKIP.

Gli alleati di Grillo crescono in Gran Bretagna

Il partito anti-europeo britannico dell'Ukip si prepara ad ottenere un secondo seggio alla Camera dei Comuni a Rochester, cittadina del sudest dell'Inghilterra dove i cittadini vanno al voto per un'elezione suppletiva, dopo che il deputato locale Mark Reckless ha lasciato il partito conservatore per entrare nelle file della formazione anti-immigrati di Nigel Farage.

Putin-Obama: prove d'incontro

Il portavoce del Cremlino Dimitry Peskov ha detto che all'Apec in corso a Pechino il presidente russo Vladimir Putin e lo statunitense Barack Obama si sono solo "brevemente salutati", ma entrambi sono consapevoli di avere altre opportunità per una "breve conversazione" ai margini del vertice in corso.

La Commissione cerca di addolcirne il divieto
Jean Claude Juncker, neo presidente della Commissione UE.

Jean Claude Juncker, neo presidente della Commissione UE.

Juncker a Bruxelles difende le buste di plastica

Primo scontro interno alla nuova Commissione Ue di Jean-Claude Juncker, alla prima decisione di carattere legislativo che l'Esecutivo comunitario era chiamato a prendere, oggi a Bruxelles, sulla direttiva che limiterà il consumo di buste di plastica usa e getta per lo shopping (in Italia sono già vietate dal 2011, e c'è una procedura d'infrazione in corso).

DIARIO TV

Decine di morti in Marocco per le forti piogge

Bilancio tragico dopo le pesanti precipitazioni che da domenica sera hanno sferzato il sud del paese, le vittime potrebbero essere più di trenta. Colpita la regione di Guelmim, 200 chilometri a sud da Agadir

La voce della Russia

I più visti Esteri

» Top 50